La musica perde un altro grande cantante. Al Jarreau è morto il 12 febbraio.

La musica perde un altro grande cantante. Al Jarreau è morto il 12 febbraio.

su
Gnius
immagine al post La musica perde un altro grande cantante. Al Jarreau è morto il 12 febbraio.

Non sono un fan sfegatato, ma ho visto parecchi concerti di Al Jarreau e la cosa che mi rimarrà sempre di lui è quel sorriso gioioso di chi fa quello che gli piace.
Al Jerreau non è il tipico cantante jazz o rhythm and blues, è un ricercatore, un innovatore che usa la voce proprio come fosse uno strumento musicale.
Al_Jarreau

Per questo suo modo di cantare ha vinto ben 7 Grammy Awards, l’oscar della musica, come miglior cantante e/o miglior album, quello del 1981 addirittura come miglior album per bambini.
Questo solo per farvi capire quando la sua passione per la musica era grande!

Al Jarreau era un cantante particolare, anche se ha cantato molte hit da top ten rimane famoso per aver messo le parole a pezzi jazz solo musicali.
Una cosa molto di moda negli anni ’70 ma che richiede grandi abilità.
Per questo di cantanti come Al Jerreau se ne contanto sulla punta delle dita.

Era una persona che amava divertirsi, e questo ha aiutato Checco Zalone a portarlo sul palco del suo show “Resto Umile” del 2012 dove, dopo uno sketch molto divertente, hanno suonato insieme il brano Spain di Chick Corea.

Di questi virtuosismi vocali è pieno youtube, qui Al Jarreau canta la famosissima Take Five, dando sfoggio della sua grande capacità vocale ritmica e melodica.

In Italia è arrivato al grande pubblico con Boogie Down, grazie anche all’allora Videomusic che programmava il video con una certa frequenza.

Ma sono tante le canzoni di Al Jerreau che ci hanno accompagnato in questi ultimi 30 anni.

Magari non lo sappiamo, ma conosciamo la musica di Al Jarreau anche per le tante volte che è apparsa nei film, soprattutto quelli romantici, con pezzi come questo che si intitola After All

L’ultimo grande lavoro vede l’Italia tra i suoi “complici” con il pezzo Double Face del 2011 presente nel disco The Crossing del cantante e tastierista italo-portoghese Eumir Deodato, il pezzo in questione è scritto insieme ai fratelli Lino e Pino Nicolosi.

Potete immaginare quanto ha influenzato i cantanti di oggi, sia jazz che pop, con il suo stile Bop della voce, genere e stile in cui voglio ricordare tra i più bravi cantanti del mondo anche il nostro Lucio Dalla.

Ci mancherà la sua voce e ci mancherà anche la sua grande simpatia!

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Reddit
Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Reddit